Le Isole Similan

Eccoci in Thailandia, nel Mar delle Andamane, cinquanta miglia a nord di Phuket. Qui si trovano delle isole semideserte meravigliose, circondate da massi di granito e da un mare cristallino. Sono raggiungibili solo in barca da crociera e ci mostrano fondali tra i più colorati e spettacolari di tutti i mari, ricchi di gorgonie, alcionari, crinoidi, ma anche nudibranchi, pesci pipa e gobidi. E poi squali leopardo ed occasionalmente anche il mitico squalo balena

Testo e foto di Leonardo Olmi

dsc_0262-tif-copia-copy

Questa destinazione la si potrebbe presentare semplicemente pronunciando due parole, Thailandia ed esotico, ed affiorano subito alla nostra mente le immagini di un antica cultura buddista, di templi meravigliosi, di montagne dominate da una giungla sempre verde e di spiagge bagnate dall’acqua cristallina. dsc_0085-tif-copia-copyMa anche quelle di una vita notturna molto frenetica e del tanto amato thai-food, il tipico cibo thailandese, caldo e piccante con un gusto del tutto unico nel suo genere. Ma da quando in questa terra sono approdati anche i subacquei c’è stato molto di più da scoprire. Non a caso, infatti, alcune delle caratteristiche più esotiche della Thailandia sono rappresentate proprio dall’incredibile vita marina che esiste sotto la superficie delle calme e calde acque del Mar delle Andamane.dsc_0240-tif-copia-copyIl centro maggiore delle attività subacquee è rappresentato dall’isola di Phuket, sulla costa sud occidentale della Thailandia, che si trova ad una sola ora di volo da Bangkok ed offre resort e strutture alberghiere ai massimi livelli. Per raggiungere la capitale della Thailandia dall’Italia potremo usufruire dei voli della compagnia di bandiera, la Thai Airways, nota come una delle migliori compagnie sul mercato, che nel suo itinerario ci consentirà uno stop a Bangkok, che consiglio vivamente sia per lo shopping, per la vita notturna che per scoprire tutte le sue attrazioni culturali.

Una volta raggiunta Phuket noteremo che le lunghe spiagge di sabbia bianca, la sua vita notturna, il suo stravagante shopping ed il suo alto numero di hotel e ristoranti, fa dell’isola una delle destinazioni più interessanti al mondo, capace di stupirci per il lusso che viene offerto ad un costo davvero conveniente.

dsc_0030-tif-copia-copyPer i subacquei offre moltissimi dive centers e molte barche da crociera, come il Colona VI, gestito interamente da un team di esperti subacquei italiani che hanno fondato il Colona Group. Oltre a Phuket ci sono anche molte altre aree limitrofi che offrono altrettanti ottimi servizi. Le immersioni più belle in assoluto sono comunque quelle che si possono raggiungere con le barche da crociera che effettuano charter da un minimo di tre giorni ad una settimana diretti verso le Isole Similan, le isole Surin ed i famosi Burma Banks.

Le Acque del Mar delle Andamane sono calde (circa 29° centigradi) e ricche di vita marina. Sono abbastanza simili a quelle della vicina Indonesia e della Papua Nuova Guinea, raccolgono una tale intensità di vita marina che difficilmente potremo riscontrare in altri mari della Terra.

dsc_2659-tif-copia-copyQui, hanno infatti la loro dimora giganteschi ventagli di gorgonia, bellissimi e coloratissimi alcionari, distese di anemoni che tappezzano completamente interi massi di roccia granitica. Un tipo di scenario subacqueo del tutto particolare, unico al mondo nel suo genere. Intorno ad essi si muovono normalmente enormi branchi di pesce, molti scorpione, razze, squali ed un grande assortimento di invertebrati.

dsc_3836-tif-copia-copyMa le isole Similan ci riservano anche molte altre sorprese sotto la superficie del mare come squali chitarra, il bellissimo squalo leopardo, alcuni silvertip e per concludere in bellezza, ma solo nei mesi che vanno da gennaio ad aprile, il mastodontico squalo balena. Per dirigerci verso le isole Similan avremo la possibilità di scegliere tra un vasto numero di liveaboard che effettuano crociere da un minimo di cinque giorni ad un massimo di una settimana dirette verso il Mar delle Andamane. similan-59-12-tif-copia-copyOvviamente per dei subacquei italiani, la scelta verso una gestione nazionale (come quella appunto del Colona VI) non potrà che essere a nostro vantaggio. Durante la crociera potremo effettuare tre o quattro immersioni al giorno che ci permetteranno di scoprire il meglio di questi fondali lasciando ricordi indelebili nella nostra mente. A causa dei monsoni, che regolarmente fanno la loro apparizione annuale in quest’area, il periodo ideale per le immersioni va da Novembre ad Aprile. La visibilità dell’acqua si aggira intorno ai 40 metri, ma alcune volte riesce addirittura a superarli.

Le immersioni più belle delle Similan

Cinquanta miglia a nord di Phuket, le prime isole che si incontrano sono proprio le Similan, nove grandi isole di granito ed altre rocce più piccole. Le isole non hanno infatti un nome ma sono numerate in ordine crescente da 1 a 9 andando da sud verso nord. Queste magnifiche isole tropicali, completamente ricoperte da una folta giungla di colore verde, offrono spettacoli mozzafiato sia sopra che sotto la superficie del mare. similan-6-19-tif-copia-copyLe isole più interessanti dal punto di vista subacqueo sono sicuramente quelle più a nord a partire dalla isola n. 3 dove si trova un punto d’immersione davvero spettacolare. Si tratta di Boulder City, il nome ci fa capire subito che il fondale è caratterizzato da una serie di massi di granito. Questi roccioni si trovano a partire da circa 12 metri di profondità per poi scendere con delle vere e proprie pareti fino a circa – 35, dove si scontrano con la sabbia bianca. Le loro pareti ed i loro canaloni sono incrostati da gorgonie e da alcionari, ma qui abbiamo visto anche molti nudibranchi e pesci pipa. Nel blu si incontrano invece enormi branchi di fucilieri dalla colorazione gialla con una striscia blu che creano ottimi effetti fotografici.

 dsc_3290-tif-copia-copySpostandoci ancora a nord, intorno alla isola n. 7, si trovano altri due interessanti punti d’immersione. Uno di questi è East of End con un fondale sabbioso intorno ai –10 metri da cui si innalzano degli enormi massi di granito che sul versante meridionale raggiungono un altro banco di sabbia a –20 che poi degrada lentamente fino a –30.dsc_3322-tif-copia-copy L’acqua è stupenda, di un colore azzurro meraviglioso, esaltato dal bianco della sabbia e dal grigio del granito. Sia i massi che il reef circostante sono completamente ricoperti da ventagli di gorgonia e alcionari. La sabbia è il rifugio ideale per gli squali chitarra, ma anche per i leopardo che amano riposare su questo tipo di fondale. Andando a posare l’occhio intorno ai ventagli di gorgonia e gli alcionari, ma anche sui coralli duri, si possono scovare anche dei pesci pipa fantasma, bellissimi nudibranchi e molte specie di gobidi.

 Altro punto d’immersione interessante, sempre intorno alla stessa isola, è quello chiamato Deep Six. Il fondale degrada dai –15 ai 25-30 per poi arrivare ad una profondità massima di –40 metri, che non necessita di essere raggiunta, poiché il massimo dell’azione si svolge intorno ai massi di granito che si trovano alle profondità inferiori. similan-5-4-tif-copia-copyAnche qui, grazie ad una forte corrente, si sono sviluppati dei grandi ventagli di gorgonia a cui sono spesso aggrappati crinoidi di tutti i colori. La visibilità è sempre ottima, ma in alcuni casi si possono incontrare dei termoclini che causano effetti ottici tipo visione sfuocata, o ancora peggio delle vere e proprie nuvole di sabbia sollevate dal fondo per effetto della differenza di temperatura che genera correnti e quindi movimenti di masse d’acqua. Gli spazi sabbiosi di questo fondale ci permettono ancora una volta di incontrare squali leopardo, ma occasionalmente anche i serpenti di mare zebrati.

 Uno scenario simile come tipo di fondale e corrente si ripete salendo più a nord dove si trova, intorno alla isola n. 8, il punto d’immersione chiamato Elephant Head Rock. dsc_3926-tif-copia-copyLa nostra discesa inizia proprio vicino al punto in cui delle rocce di granito spuntano fuori dall’acqua per mostrarci, una volta iniziata la discesa, che sono anch’esse incrostate da molte gorgonie e alcionari, ma qui rispetto a molte altre immersioni troviamo anche una notevole abbondanza di crinoidi, tra cui alcuni bellissimi che sfoggiano una colorazione gialla incredibile. Ovviamente vale la pena ispezionare i loro tentacoli per scovare piccoli microrganismi. Anche qui troviamo di nuovo un termoclino caratterizzato da una forte corrente d’acqua fredda. Durante la nostra immersione, dal blu hanno fatto la loro apparizione anche un branco di carangidi.

 Salendo ancora verso nord si incontra l’isola n. 9, che ci delizia con un altro paio di interessantissimi punti d’immersione. Il primo fra questi è Christmas Corner che si presenta con una ottima visibilità appena scesi sotto la poppa del Colona VI. A farla da padroni sono anche qui enormi lastroni rotondeggianti di granito, che già in soli 4-5 metri d’acqua sono incrostati da grandi ventagli di gorgonia.

Aggrappati sulle loro pareti dal colore grigio chiaro, troviamo molti alcionari dai colori più sgargianti, che al loro interno, come sulle gorgonie, ospitano una miriade di microrganismi, come varie specie di gobidi e granchietti. La base dei massi granitici si trova intorno ai –24/26 metri di profondità ed è dominata da un fondale di sabbia bianca che riflette abbondantemente anche la poca luce del sole che riesce a penetrare fino a tale profondità, rendendo i colori molto vivi ed apprezzabili anche senza l’uso di una torcia. dsc_3303-tif-copia-copyUn fenomeno che purtroppo non riusciamo a godere in molti altri mari del mondo, sicuramente e purtroppo non nel nostro Mediterraneo. Sulla sabbia scorgiamo la sagoma di un bell’esemplare di squalo leopardo che infastidito dalle nostre bolle rumorose fugge velocemente, consentendoci solo un paio di scatti. Questo punto d’immersione è uno di quelli conosciuti nell’area per l’avvistamento dei branchi di barracuda, di mante, ma anche del tanto ambito squalo balena che regolarmente, durante il periodo che va dalla fine dell’inverno  all’inizio della primavera, fa la sua apparizione lungo il Mar delle Andamane e quindi delle isole Similan.

 Non molto lontano da questo punto d’immersione, sempre intorno alla stessa isola, si trova quello nominato Breackfast Reef. Qui la corrente si fa un po’ più intensa, e quando scendiamo dobbiamo fare un po’ di drifting, che tra i lastroni di granito ci mostra ancora molte gorgonie, sia a ventaglio che a frusta, e di nuovo tanti alcionari. dsc_3052-tif-copia-copyMolte anche le specie di coralli duri, come quelli a forma di foglia e di cervello. La profondità massima, dove i lastroni si scontrano con la sabbia, è di 35 metri. I colori si fanno ancora più belli quando veniamo circondati dai branchi delle ombrine tropicali e delle molte specie di pesci farfalla, ma anche dai tanti angelo. Rispetto ad altre immersioni abbiamo trovato anche vari tipi di anemoni con i loro piccoli pagliaccio, tra cui quelli detti falsi. Anche qui la sabbia riserva un ottimo punto di riposo per i leopardo.

Slide Show:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Appunti di Viaggio

DOVE SI TROVANO: Thailandia, Mar delle Andamane, 50 miglia a nord ovest di Phuket.
COME SI RAGGIUNGONO : Per raggiungere le isole Similan dobbiamo prima arrivare a Phuket, dove ci imbarcheremo su una barca da crociera. L’isola di Phuket è facilmente raggiungibile via Bangkok da Roma con voli della Thai Airways International. La compagnia di bandiera assicura questo servizio con voli giornalieri della durata di 11 ore fino a Bangkok dove è concesso uno stop-over (che noi consigliamo per visitare la città), per poi continuare con un’ulteriore ora di volo per giungere finalmente a Phuket. Oltre al comfort degli aerei ed all’ospitalità offerta dagli operatori di volo, la compagnia di bandiera offre anche un ottimo servizio di assistenza a terra, compresa la gestione dei bagagli, non abbandonando mai i suoi clienti.

Thai Airways International

Via Barberini, 50 – Roma

tel. 06-478.131 – www.thaiair.com

Parcheggio auto in aeroporto Uno dei modi migliori per raggiungere l’aeroporto di partenza dalla nostra città, è sicuramente quello di farlo con la nostra auto e lasciarla in un parcheggio a lunga sosta dai prezzi molto abbordabili. Una volta parcheggiata l’auto nei parcheggi che si trovano in prossimità degli aeroporti, saremo trasportati da un servizio di navetta gratuita direttamente al nostro terminal. La navetta sarà poi pronta a riprenderci al rientro della nostra vacanza.

Park to Flywww.parktofly.it

Roma Fiumicino: Via Portuense, 2335 – Campo Fiumicino – tel. 06-6504.1645

Milano Malpensa: Via del Gregge, 220 – Lonate Bozzolo (VA) – tel. 0331-301.872

DOVE ALLOGGIARE a PHUKET : Patong Beach Hotel,

124 Taweewongse Rd., Patong Beach, Phuket

Tel. +66-76-340.301  /  fax +66-76-340.541

http://www.see2sea.com  /  patong@sun.phuket.ksc.co.th

L’hotel si trova direttamente di fronte alla famosa spiaggia di Patong Beach, vicinissimo alla zona dedicata allo shopping. Le sue camere sono bellissime e dotate di tutti i comfort, oltre ad avere una stupenda vista mare. Anche i suoi ristoranti sono considerati tra i migliori di tutta Phuket. La colazione è servita con un abbondante buffet.

Katathani Resort,

14 Kata Noi Road, Karon, Muang, Phuket

Tel. +66-76-330.124  /  fax +66-76-330.426

http://www.katathani.com  /  reservation@katathani.com

L’albergo si trova sulla bellissima spiaggia di Karon Beach a pochi minuti d’auto da Patong Beach. Le camere sono molto accoglienti e dotate di tutti i comfort.

LINGUA : La lingua ufficiale è il thailandese, ma anche l’inglese è molto ben parlato.
MONETA : Thai Bath: US$1=25 Bath circa, cioè 100 Bath = 4 Euro circa.
CORRENTE : 220 volt, con adattatore del tipo inglese a tre spine
VACCINAZIONI RICHIESTE : Nessuna in particolare
DOCUMENTI NECESSARI : Passaporto in corso di validità per altri 6 mesi, e biglietto di andata e ritorno. Non è necessario alcun visto
TOUR OPERATOR CONSIGLIATI : Aquadiving Tours :

Pesaro, tel. (0721) 65.770

http://www.aquadiving.it  / aquadiving@aquadiving.it

Nosytour :

Torino, tel. (011) 360.934 / http://www.nosytour.it  /  nosytour@nosytour.it

Albatros Top Boat

Verbania (Lago Maggiore) tel. 0323-505.220 – www.albatrostopboat.com – info@albatrostopboat.com

La Albatros Top Boat è uno dei tour operator meglio organizzati e più efficienti per le crociere subacquee. Per la Thailandia, la Albatros Top Boat ospita i suoi clienti sulle barche del Colona Group, come appunto il Colona VI, che con partenza da Phuket porteranno i loro clienti alla scoperta delle più belle immersioni che circondano l’isola, comprese le Similan e la Birmania. Albatros Top Boat, oltre alla Thailandia, propone anche soggiorni e crociere esclusive in altre bellissime destinazioni, come le Seychelles, le Galapagos, il Sudafrica, l’Egitto, il Sudan, ecc. ecc., ma soprattutto alle Maldive, dove è uno degli operatori più efficienti e conosciuti. Vi consigliamo pertanto di visitare il loro sito per tutte le delucidazioni in merito. Le loro barche da crociera e le loro isole sono specializzate per i sub più esigenti e godono di un’ottima reputazione, derivante da un’esperienza di oltre vent’anni. Contattando Albatros Top Boat si può prenotare direttamente l’intero pacchetto per trascorrere una settimana a bordo di una delle loro barche, su una delle loro isole o combinare entrambe, comprensivo di volo, trasferimenti, crociera e immersioni.

CLIMA : La temperatura si mantiene costante tutto l’anno intorno ad una media di 28° centigradi sia d’estate che d’inverno. Comunque i mesi migliori per le immersioni sono quelli che vanno da Novembre a Marzo, ossia durante il monsone invernale quando non si hanno piogge.
FUSO ORARIO : + 6 ore rispetto all’Italia con l’ora legale, + 7 con l’ora solare.
CUCINA LOCALE : La cucina è quella tipica thailandese sempre accompagnata da abbondanti porzioni di pesce con tanto riso, verdure ed un grande assortimento di zuppe. I buffet sia delle barche da crociera che dei resort sono sempre ottimi ed abbondanti.
COSA PORTARE : Abbigliamento estivo molto comodo, una felpa leggera ed un K-way in caso di brevi piogge. Buone creme solari contro le scottature e buone creme idratanti. Per chi fa foto e video portare una buona scorta di pellicole (specialmente per chi usa diapositive professionali) e di cassette.
COSA

COMPRARE :

Artigianato locale, ma anche molte delle perfette riproduzioni delle più grandi firme dell’abbigliamento, dell’orologeria ecc., specialmente nel mercatino di Patong Beach.
Diving e CROCIERA SUBACQUEA :

 

Colona Group

333 Patak Road

Karon, Muang, Phuket

tel. +66-76-281.382 – info@diving-thailand-phuket.comhttp://www.diving-thailand-phuket.com

Il Colona Group offre crociere sia in Thailandia, verso le isole Similan e Surin, Richelieu Rock ed i Banchi di Burma, ma anche nei dintorni di Phuket e le Phi Phi Islands. La compagnia è specializzata anche in crociere in Birmania verso l’Arcipelago di Mergui. Per quanto riguarda la Thailandia, il Colona Group, oltre al Colona VI, dispone anche di barche che effettuano uscite giornaliere per subacquei dirette nei più bei punti d’immersione. Tutti le barche da crociera sono dotate di aria condizionata e le cabine possono avere un letto matrimoniale o due posti letto con bagno in camera. La cucina è quella tipica thailandese ed è sempre ottima e abbondante. Si possono effettuare sino a 5 immersioni al giorno compresa la notturna.

COME TELEFONARE :

 

Il prefisso per chiamare la Thailandia è 0066, quello per Phuket è 76. Per chiamare l’Italia dalla Thailandia comporre 0039 seguito dal prefisso della città desiderata più il numero. Per chiamare i cellulari usare la stessa procedura.
COSA ALTRO VISITARE :

 

Prima e dopo la crociera alle Similan soggiorneremo sicuramente a Phuket dove potremo visitare i templi e la capitale. Ma Phuket è anche la base ideale per effettuare delle escursioni a Phang Nga Bay, dove si trova la famosa roccia di Khoa Ping Gun, quella del film di James Bond, e alle Phi Phi Islands, dove si trova la famosa spiaggia di Maya Beach, quella del film The Beach di Leonardo di Caprio. Se il nostro itinerario aereo prevede un volo via Bangkok, suggeriamo anche uno stop nella capitale thailandese, dedicato sia alla cultura, con i suoi bellissimi templi ed il Palazzo Imperiale, ma anche allo shopping, alla cucina e alla vita notturna. Per prenotare qualsiasi escursione sia a Phuket che a Bangkok consigliamo di contattare direttamente Orientours, un tour operator dalle origini italiane, specializzato da anni sulle migliori destinazioni della Thailandia.

Orientourswww.orientours.com

Phuket:

Boat Lagoon Resort

20/30 Moo 2, Thepkasatri Road, Koh-kaew, Muang

tel. +66-76-273.374 – orientoursphuket@orientours.com

Bangkok:

Eamai Shopping Mall

3 Ekamai Soi 10, Sukhumvit 63

Tel. +66-2-714.1941 – orientours@orientours.com

Dove soggiornare a Bangkok Montien Riverside Hotel

372 Rama 3 Road, Bangklo, Bangkok

Tel. +66-2-292.2999 – www.montien.com – riverside@montien.com

Montien Hotel Bangkok

54 Surawongse Road, Bangkok

Tel. +66-2-233.7060 – www.montien.com – bangkok@montien.com

Entrambi gli hotel sono dei cinque stelle di lusso dotati di tutti i migliori comfort, dalla piscina al centro Spa, per non parlare dei loro ristoranti a base della cucina tradizionale thailandese. La loro posizione è più o meno centrale e quindi concede un facile accesso ai siti più interessanti della città. Il primo si trova direttamente sul fiume Chao Praya ed il secondo a ridosso della famosa Patpong, zona d’attrazione turistica notturna sia per lo shopping che per i massaggi. Entrambi effettuano servizio di trasferimento da e per l’aeroporto.

UFFICIO DEL TURISMO :

 

Ente del Turismo per la Thailandia

Via Barberini, 68- Roma

Tel. 06-4201.4422 – http://www.turismothailandese.itinfo@turismothailandese.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.